Ultimo aggiornamento: 3 novembre 2017 alle 17:42

E’ italiano il più giovane scienziato migliore d’Europa.Ha solo 16 anni e la sua invenzione rivoluzionerà il mondo

Il suo nome è Valerio Pagliarino un 16enne italiano di Castelnuovo Calcea, in provincia di Asti, si è aggiudicato il primo premio  del Concorso per Giovani Scienziati Eucys 2016 (European Union Contest for Young Scientists) della Commissione Europea, grazie alla sua strabiliante invenzione: la “laser wan” (Laser broadband internet connection.),  una connessione a banda ultralarga laser, una sorta di internet via laser.

Valerio è ancora uno studente del  liceo scientifico Galilei di Nizza Monferrato, ma già possiede un talento unico, scoperto dai professori che lo hanno appoggiato nella realizzazione del suo progetto

Il giovane talento ha addirittura creato il proprio progetto a partire da vecchi elettrodomestici riadattati e ha acquistato online il materiale mancante

La sua invenzione servirà a portare la banda larga con internet ad alta velocità in piccoli centri dove ancora non è presente, grazie all’ invio di informazioni tramite laser a infrarossi.La connessione Internet viene convogliata sulle linee elettriche, utilizzando raggi laser, al fine di sostituire la fibra ottica, ammortizzandone i costi di almeno 100 volte.

 

valerio_pagliarino_invenzione scienziato

Come si può vedere dalle foro Valerio ha simulato con due torrette i pali dell’ alta tensione istallandovi i ricetrasmettitori.
Ora c’è da sperare che in Italia questo giovane e la sua invenzione vengano presi in considerazione. Il suo progetto costa poco e potrebbe attirare gli interessi di altri paesi europei e non, al contrario del  Bel Paese, dove le cose che costano poco vengono spesso ostacolate, data la quasi impossibilità di farci “la cresta su”… 

(Visited 2.841 times, 1 visits today)

Commenta per primo on "E’ italiano il più giovane scienziato migliore d’Europa.Ha solo 16 anni e la sua invenzione rivoluzionerà il mondo"

Scrivi un commento

Your email address will not be published.


*