Ultimo aggiornamento: 3 dicembre 2017 alle 19:33

“Grasso, ci devi ancora pagare”. L’ultima umiliazione dal Pd: che botta, ha un debito enorme

Nella cassetta della posta di Pietro Grasso è arrivata una lettera che avrebbe fatto meglio a non aprire. Al presidente del Senato è arrivata una missiva degna della peggiore cartella esattoriale.

Come riporta:  liberoquotidiano.it

A spedira però non è stata l’Agenzia di riscossione del fisco, ma il Partito democratico per mano del tesoriere Francesco Bonifazi. Proprio quando Grasso è stato indicato come candidato premier per la coalizione di sinistra formata da Mdp, Sinistra italiana e Possibile, dal suo ex partito si sono ricordati dei debiti mai saldati risalenti al suo periodo da iscritto: “Caro presidente – riporta uno stralcio il Corriere della sera – la preghiamo di saldare le sue pendenze con il Pd: 83.250 euro, entro il 15 dicembre”.

Finora Grasso non avrebbe mai versato un centesimo al partito di Matteo Renzi, a differenza di altri ex iscritti come Pierluigi Bersani o Guglielmo Epifani che hanno saldato tutti i propri debiti prima di abbandonare il Pd: “Questi soldi, come concordato con i sindacati – dicono dal Nazareno – servono per istituire un fondo di garanzia a sostegno dei 180 nostri dipendenti in cassa integrazione”.

Meteo della tua città qui

(Visited 193 times, 1 visits today)

Commenta per primo on "“Grasso, ci devi ancora pagare”. L’ultima umiliazione dal Pd: che botta, ha un debito enorme"

Scrivi un commento

Your email address will not be published.


*