Ultimo aggiornamento: 6 dicembre 2017 alle 19:34

Napoli, accusato di aver violentato un ragazzo: la camorra lo fa uccidere

In una delle zone più popolari di Napoli, nel rione tra piazza Mercato e Case Nuove, le mamme avevano avvertito i figli di stare lontani da quell’uomo. La convinzione popolare, nata da un racconto fatto da un ragazzino ai suoi genitori, è arrivata anche alla camorra.

La sentenza di morte per il tunisino è stata emessa in poche ore dal clan egemone della zona, quella dei Mazzarella. Dopo due anni di indagini è stato arrestato il killer incaricato di uccidere l’uomo. Si tratta di Salvatore Sembianza, 37enne con precedenti penali.

A ricostruire l’accaduto e permettere l’arresto di Sembianza è stato un altro killer del clan, diventato nel frattempo collaboratore di giustizia.

La ricostruzione

Il tunisino, nel giugno 2015, è stato attirato da Sembianza in un’abitazione del quartiere di Poggioreale e ucciso con due colpi di pistola alla testa. Poi il cadavere è stato fatto a pezzi, chiuso in una busta e bruciato. I resti sono stati poi abbandonati in una discarica a San Pietro a Patierno. Sembianza è ritenuto responsabile di omicidio, porto e detenzione di arma da fuoco, distruzione e soppressione di cadavere.www.ilgiornale.it/

Meteo della tua città qui

(Visited 98 times, 1 visits today)

Commenta per primo on "Napoli, accusato di aver violentato un ragazzo: la camorra lo fa uccidere"

Scrivi un commento

Your email address will not be published.


*