Ultimo aggiornamento: 9 dicembre 2017 alle 7:45

Il vero fascismo

Che patologia più grave di un grave tumore aveva Sofri rispetto a Dell’Utri, da essere trattato in modo così diverso? La risposta è semplice: era di sinistra

Come riporta/www.ilgiornale.it

Devo ricredermi, ha ragione La Repubblica a lanciare l’allarme su un pericoloso rigurgito di fascismo in Italia.

Ma non perché – come enfatizza il quotidiano diretto da Mario Calabresi – cinque cretini di Forza Nuova leggono un volantino in un centro culturale pacifista e altrettanti agitano fumogeni sotto la sede del suo giornale mascherati manco fosse carnevale. Stiamo diventando un Paese fascista perché un anziano e malato detenuto viene tenuto in carcere nonostante i medici abbiano certificato che le sue condizioni di salute sono senza dubbio incompatibili con il regime di detenzione. Anzi, per la verità Mussolini gli oppositori politici li mandava al confino nella splendida isola di Ventotene o in esilio, come capitò anche a Indro Montanelli, futuro fondatore di questo Giornale.

La decisione di ieri del tribunale di sorveglianza di negare cure adeguate in luoghi adeguati a Marcello Dell’Utri, 76 anni, malato di tumore e ad alto rischio cardiopatico, suona come una condanna a morte di Stato. Condanna che l’imputato ha accettato annunciando di sospendere volontariamente e da subito anche le poche terapie che gli vengono somministrate in carcere. Noi quella condanna non la accettiamo e la cosa dovrebbe fare inorridire anche i sinceri democratici antifascisti che si agitano tanto per le pagliacciate di quattro ragazzotti in cerca di pubblicità (facendo così peraltro il loro gioco) ma che appaiono indifferenti alle violenze fasciste della giustizia.

Tanto accanimento, direi odio, nei confronti di Dell’Utri non può che avere radici politiche, perché il codice penale permetterebbe ben altre soluzioni. Tipo quelle trovate per Adriano Sofri, icona della sinistra salottiera e rivoluzionaria, che condannato per l’omicidio del commissario Calabresi (padre dell’attuale direttore della Repubblica) scontò metà di una misera pena (15 anni) nel comodo di casa sua per «motivi di salute». Chiedo ai signori giudici: che patologia più grave di un grave tumore aveva Sofri rispetto a Dell’Utri (che per di più non ha mai ucciso nessuno), da essere trattato in modo così diverso?

La risposta è semplice. Sofri era di sinistra (e che sinistra), Dell’Utri è stato a lungo il braccio destro di Berlusconi, e per questo può morire in cella come un cane. Se dovesse succedere, e mi auguro di no, chiunque può fare qualche cosa per fermare questo «fascismo» giudiziario – dal ministro della Giustizia al presidente della Repubblica – e se ne lava le mani dovrà risponderne. Agli uomini liberi da pregiudizi e alla propria coscienza, per tutta la vita.

Meteo della tua città qui

(Visited 53 times, 1 visits today)

Commenta per primo on "Il vero fascismo"

Scrivi un commento

Your email address will not be published.


*